LEGATI MA LIBERI | MOSTRA D'ARTE CONTEMPORANEA

Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Presso l'Alpstation Arco il singolare progetto espositivo ospitato al Trento Film Festival 2015

LEGATI MA LIBERI, progetto espositivo di singolare valore concettuale proposto dalle artiste Francesca Libardoni e Silvia Turri, curato da Giulia Moiraghi, dopo la prima al Trento FIlm Festival 2015, transita e staziona presso gli articolati spazi del nuovo Alpstation Arco, che con l'occasione festeggia il primo anno di esercizio. L'esposizione resterà visibile al pubblico durante gli orari di apertura del negozio fino al 30 ottobre. I mesi di luglio e agosto saranno dedicati alle opere di Silvia Turri, settembre e ottobre alle opere di Francesca Libardoni.

Questa la presentazione di Giulia Moiraghi:

Quando si parla di avventure ad alta quota sembra che solo uno scatto, rubato in condizioni estreme, possa rendere conto dell’attimo cruciale che separa ciò che in futuro sarà narrabile da ciò che rimarrà inghiottito dal silenzio della montagna. In effetti siamo abituati a considerare come attendibili integrazioni di un resoconto di viaggio soprattutto le immagini fotografiche; è innegabile, tuttavia, che in molti casi l’occhio imparziale della macchina non sia in grado di restituire la distorsione dello spazio e del paesaggio operata da una percezione della realtà compiuta in situazioni limite e per mezzo di informazioni alterate da parte degli organi di senso.

Proprio da questa paradossale constatazione nasce la mostra “Legati ma liberi”, nella quale Francesca Libardoni e Silvia Turri accettano la sfida di misurarsi con le parole dei protagonisti della montagna e di trasformare alcuni ricordi di viaggio in un’esperienza che possa ritrovare l’immediatezza e la complessità del vissuto in presa diretta. Le due giovani artiste trentine, con già alle spalle esposizioni in mostre collettive e personali, interpretano le testimonianze, perlopiù inedite, di affermati alpinisti, di veri e propri miti del mondo della montagna, ma anche di arrampicatori meno noti e sportivi di diverse e recenti discipline come il base jumping e lo slackline, attraverso due stili e due sensibilità eterogenee che condividono l’assunto di evitare l’autostrada della rappresentazione fedelmente mimetica, per sporgersi coraggiosamente in direzione di un percorso stretto e accidentato che procede in maniera analogica. Le opere non sono più didascalie dell’impresa ma vogliono produrre un analogo, in termini di vissuto, dell’esperienza totalizzante della montagna.

>> Alpstation Arco