Montura

 

La Montagna presa in giro

Ristampa anastatica del famoso libretto scritto nel 1935 da Giuseppe “Bepi” Mazzotti. Con la prefazione di Mauro Corona.

Image

Un libro fresco ed attuale, quasi fosse stato scritto ai giorni nostri. Il lavoro di Giuseppe Mazzotti, pubblicato per la prima volta dall’Eroica di Milano quando l’autore aveva poco più di vent’anni, è un caposaldo della letteratura alpina. Con i suoi testi brevi ed incisivi, impreziositi dai disegni di Canciàn, è un libro di piacevole e divertente lettura.

 

La ristampa, autorizzata dalla Fondazione Mazzotti, si colloca nell’ambito della collaborazione con il Premio Letterario “Gambrinus” Giuseppe Mazzotti, uno dei più prestigiosi premi letterari italiani, di cui Montura è uno degli sponsor e di cui sostiene in modo particolare il Concorso Juniores.  Nella prefazione, Mauro Corona scrive che “bisogna riconoscere che è un testo storico, intramontabile, ricco di humor e arguzie, osservazioni acute e insegnamenti. Un libro che rimarrà, prova ne sia il fatto che Montura lo ristampa. Oggi, la montagna è super frequentata rispetto agli anni passati. E non è certo migliorato il modo di “usarla”, anzi direi peggiorato. Bisognerebbe mandare nelle scuole elementari le guide alpine, gli artigiani, i boscaioli, i contadini d’alta quota. In questo modo i bambini apprenderebbero ad amarla, rispettarla, praticarla in sicurezza, con rispetto e goderne i frutti.  Vi sarebbe un altro modo per ottenere le stesse cose più velocemente. Soprattutto per gli adulti che non vanno più a scuola. Leggere il libro di Bepi Mazzotti onde evitare quelle situazioni che lui prende in giro. Al puro scopo di non diventare ridicoli. Perché, in queste pagine, non è la montagna ad essere presa in giro bensì coloro che la frequentano”.

TITOLO: La montagna presa in giro
TESTI: Giuseppe Mazzotti e Mauro Corona
EDITORE: Montura Editing (con autorizzazione della Fondazione Mazzotti)
ANNO DI PUBBLICAZIONE: aprile 2017