Montura

 

ARRIVA IL TRENTO FILM FESTIVAL 2017

Gli eventi MONTURA giorno per giorno

Image

Si rinnova con la partecipazione alla 65^ edizione la partnership tra Trento Filmfestival e Montura, una “cordata” ormai affiatata, tra due realtà di livello internazionale e di valore riconosciuto.


Quello di Montura non è un semplice sostegno ad un evento, bensì la partnership con un’istituzione culturale, la cui attività da tempo non si limita più solo all’appuntamento primaverile trentino, ma espande nell’arco dell’intero anno e su schermi sempre più vasti il ruolo di testimone – attraverso gli strumenti del cinema, della letteratura, delle arti - dell’evoluzione del rapporto tra l’uomo, la montagna, il Pianeta.


Per Montura, essere “main sponsor” significa condividere la filosofia che muove il Filmfestival e contribuire ad affermare quello spirito di ricerca continua che è alla base della longevità e del successo della manifestazione. Con Montura Editing, laboratorio creativo e “casa editrice”, l’azienda partecipa attivamente agli eventi festivalieri. E lo fa con i propri testimonial culturali e sportivi, con opere cinematografiche e letterarie, con iniziative sociali e culturali.


Saranno anche quest’anno numerosi gli appuntamenti nei quali brillerà il fiore Montura: dalle serate alpinistiche, con testimonial d’eccezione come il campione di arrampicata sportiva Adam Ondra (il 28 aprile), alla solidarietà, con l’inedito abbinamento tra il grande alpinista Fausto De Stefani ed il Coro della Sosat (il 30 aprile), affiancato anche dal Minicoro di Rovereto (e con la proiezione della nuova versione del video girato da Alessandro Tamanini). Per una serata unica, il cui incasso sarà interamente devoluto alla scuola di Kirtipur, in Nepal.


Ben cinque le opere cinematografiche prodotte nell’ultimo periodo anche con il sostegno Montura. Da “Senza possibilità di errore”, il film dedicato al ruolo insostituibile del Soccorso alpino a “Oltre il sentiero”, lavoro che riscopre la figura storica di Ettore Castiglioni.
Da “Inside”, visione introspettiva della montagna offerta dall’alpinista francese Christophe Dumarest, a “Brezno Pod Velbom”, speleologia abbinata all’arrampicata su ghiaccio nelle grotte della Slovenia. Fino al ciclismo di scoperta di “Prendimi in giro”, attraverso le bellezze naturali ed artistiche dell’Italia. Un appuntamento speciale sarà dedicato anche alla presentazione del film “Resina” di Renzo Carbonera, interpretato dall’affascinante Maria Roveran, opera in uscita nei prossimi mesi.
Per quanto riguarda la letteratura, oltre alla terza edizione del libro fotografico “Mani” di Fausto De Stefani, con introduzione di Erri De Luca, saranno presentate da Montura Editing due importanti novità letterarie.
La prima, il 2 maggio a Palazzo Roccabruna, riguarda la figura di Agostino “Gustìn” Gazzera, alpinista piemontese classe 1927, raccontato con le parole di Roberto Mantovani e le immagini di Daniele Lira.
La seconda, in agenda il 3 maggio alla sede della Sosat, consiste nella ristampa anastatica de “La montagna presa in giro”, lavoro di Giuseppe Mazzotti pubblicato per la prima volta nel 1935, con la prefazione di Mauro Corona. Un’operazione che si inscrive nella partecipazione di Montura al Premio letterario intitolato a Mazzotti.


Non mancherà un’esposizione di rilevante valore video-fotografico: Palazzo delle Albere, prestigiosa residenza a fianco del MUSE, ospiterà infatti dal 28 aprile e fino a metà luglio un progetto multimediale dedicato al paesaggio italiano. Si tratta del lavoro prodotto da “L’Altro Versante”, dal titolo “Un Paese, mille paesaggi”, accompagnato dal catalogo edito a cura di Montura Editing.
Quest’anno sarà anche la prima volta di “FuoriRotta” al Trento Filmfestival. Proprio Montura, che sostiene con Internazionale il progetto ideato dal regista Andrea Segre fin dagli esordi, ha favorito questo incontro, foriero di importanti sviluppi soprattutto per giovani under-30 in cerca di “nuove vie”, da esplorare e da raccontare. 

Anche “My Snow Maps”, applicazione di successo ideata da una start-up trentina e sostenuta da Montura, troverà un momento importante all’interno del cartellone del Festival. Così come saranno presentati al pubblico frequentante MontagnaLibri anche il “Premio Mazzotti Juniores” e l’operazione di recupero di una vecchia palestra di arrampicata ai piedi delle Dolomiti di Brenta, “La falesia dimenticata”, promossa da Dolomiti Open.
Nello spazio dell’azienda gli appassionati potranno visionare l’attività editoriale prodotta da Montura e ricevere tutte le informazioni sulle opere pubblicate o sulle varie iniziative sostenute.

 

DayByDay