Montura

 

(S)LEGATI PER SEMPRE

Image

Portare sul palcoscenico, con efficacia, l'alpinismo e le condizioni estreme, al limite della sopravvivenza, che possono crearsi in parete: una sfida nella sfida, affrontata e vinta con brillantezza in questo spettacolo che vive all'insegna della dualità. L’incontro di due attori/amici e la vicenda reale di Joe Simpson e Simon Yates, due climber/amici, narrata in uno tra i libri d'alpinismo più letti al mondo, che li ispira.

“È  la storia di un sogno ambizioso: essere i primi al mondo a scalare il Siula Grande, attaccato dalla parete ovest. Ma è anche la storia di un'amicizia, e della corda che, durante quella terribile impresa, lega i due ragazzi, affidando la vita di uno nelle mani dell’altro. Come sempre avviene in montagna”.

Una cima da raggiungere, l'estenuante conquista della vetta peruviana, la gioia dell’impresa riuscita. Quando il peggio è passato e la strada è ormai in discesa la vita fa lo sgambetto e la morte ammicca. Un terribile incidente in alta quota rimette tutto in gioco. Ora l'impresa è riuscire a tornare a valle vivi. E infine, nel momento in cui tutto sembra risolversi per il meglio, un secondo, fatale colpo di coda del destino cui può porre rimedio solo un miracolo. Oppure un atto estremo. O entrambi gli avvenimenti, insieme.

Va in scena, con (S)Legati per sempre, un'avventura oltre i limiti umani, che riesce a tenere lo spettatore teatrale inchiodato alla poltrona, facendogli provare tutta la passione del dramma, la vertigine delle altitudini sospesi a una corda, il gelo letale delle notti in quota. Nello stesso tempo, i due protagonisti recitano anche una poderosa metafora – la corda - dei legami umani: spesso quando una relazione è portata al limite estremo la verità prende forma, mette alle strette e costringe a “tagliare”, a un gesto che appare violento e terribile, ma invece, a volte, è l’unico necessario alla vita di entrambi.

TRATTO DA: “La morte sospesa” di Joe Simpson
DI E CON: Mattia Fabris e Jacopo Bicocchi
COMPAGNIA: Atir
REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DI: Montura.