I VINCITORI DEL PREMIO GAMBRINUS "GIUSEPPE MAZZOTTI"

Image Image Image Image Image Image

Il 18 novembre Cerimonia delle Premiazioni al Parco Gambrinus di San Polo di Piave (TV)

Dedicato agli amanti della parola, del territorio e della scoperta. Nella splendida cornice del Parco Gambrinus a San Polo di Piave (TV), si rinnova ogni anno il Premio Letterario in onore di Giuseppe Mazzotti. 

 

LA PREMIAZIONE
Da trentaquattro anni, il terzo sabato di novembre, a San Polo di Piave si celebra la cultura. Il Parco Gambrinus si trasforma in teatro per accogliere Autorità politiche e istituzionali, esponenti del mondo della letteratura, della scienza, dell’economia, del giornalismo e della comunicazione, oltre a un folto pubblico di studiosi e appassionati provenienti da tutta Europa. La cerimonia quest’anno prenderà il via alle 16:30 con la premiazione dei vincitori delle tre Sezioni in gara e delle giovani promesse del Premio Juniores. Inoltre, si potrà scoprire in diretta se, e a chi, verranno assegnati il Premio “Honoris Causa” e il “Gambero d’Oro”.

Di sicuro non mancheranno le sorprese. In trentaquattro edizioni, molti sono stati gli avvenimenti e gli aneddoti legati al Premio. Come il caso dell’anonimo scrittore, autore di un’opera di elevatissimo valore, che solo trent’anni più tardi si scoprì essere uno scienziato dell’ex Unione Sovietica trasferitosi in Israele…

Ma questa è la storia del Premio. Per viverne il presente, vi diamo appuntamento il 18 novembre 2017 presso il Parco Gambrinus.

 

LE OPERE VINCITRICI

  • Vincitore della sezione “Montagna: cultura e civiltà” è “Paesi alti” (Edizioni Biblioteca dell’Immagine, 2015) dello scrittore bellunese Antonio Bortoluzzi.
  • Vincitore della sezione “Esplorazione – viaggi” è “L’ignoto davanti a noi. Sognare terre lontane” (Società editrice Il Mulino, 2017) dello storico del Medioevo e del Mediterraneo Alessandro Vanoli.
  • Vincitore della sezione “Finestra sulle Venezie, per opere riguardanti aspetti della civiltà, della cultura territoriale ed ambientale del mondo veneto” è “Lagunario” (Editrice Santi Quaranta, 2016) della giornalista e autrice veneziana Isabella Panfido.

Le tre opere vincitrici, scelte dalla Giuria tra 132 opere provenienti da 71 case editrici, si contenderanno nel corso della Cerimonia delle Premiazioni che si terrà al Parco Gambrinus di San Polo di Piave (TV) il 18 novembre 2017, il Super Premio “La Voce dei Lettori” del valore di 3 mila euro, assegnato dalla Consulta dei Lettori, giuria popolare composta da 40 membri scelti in ambito triveneto che rappresentano uno spaccato della società civile: studenti universitari e degli istituti superiori; persone appartenenti al mondo della cultura, della ricerca, dell’economia, dell’associazionismo ambientale e naturalistico; assidui frequentatori di biblioteche e/o librerie; ecc.

 

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA

Quest’anno la Giuria del Premio ha deciso di assegnare anche un Premio speciale della Giuria all’ammirevole densa opera “Guant. L’abbigliamento tradizionale in Val di Fassa” a cura di Fabio Chiocchetti (Istitut Cultural Ladin Editore), 

 

SEGNALATI

La Giuria, visto il notevole valore di altre opere pervenute, ha anche ritenuto di segnalare altri qualificati volumi: nella sezione “Montagna: cultura e civiltà” il volume “I villaggi dai rami di rovo. Viaggio nel trentino del terzo millennio”, di Alberto Folgheraiter e Gianni Zotta (Curcu & Genovese Editore), nella sezione “Esplorazione – viaggi” “Storie di uomini e di fiumi. Lungo le rive del Fiume Azzurro cercando la Cina di ieri e di oggi” di Stefano Cammelli (Società Editrice Il Mulino), e nella sezione “Finestra sulle Venezie” “Ti presento Venezia…” di Paolo Mameli (Editoriale Programma).